La coibentazione consente di isolare tra loro due ambienti che hanno condizioni termoacustiche diverse, evitando così lo scambio di calore o di suono tra gli stessi. Tra gli interventi più diffusi troviamo l’isolamento termico, oggetto negli ultimi anni di maggiore attenzione soprattutto per le abitazioni. Ad esclusione delle nuove costruzioni, la maggior parte degli edifici risultano sprovvisti di parametri efficaci in tal senso. La necessità di ovviare al problema delle dispersioni di calore, ai fini soprattutto del risparmio energetico, ha portato alla nascita di diversi incentivi, tra cui l’Ecobonus 110%, che hanno favorito una maggior consapevolezza riguardo all’importanza di interventi come quello della coibentazione.

La coibentazione: dal significato alla pratica

All’atto pratico la coibentazione consente di ottenere un importante risparmio energetico e di risolvere diversi problemi, tra i più frequenti la formazione di muffa. 

Ma, che vuol dire coibentazione? 

È il dubbio di chi dovrebbe commissionare questo tipo di intervento. Più che conoscere il significato del termine, l’interesse è rivolto alle modalità di esecuzione dei lavori e ai materiali usati, elementi che, insieme alla professionalità degli operatori, contribuiscono a un risultato di un certo tipo.   

Per le aziende che si occupano di coibentazione lavorare con materiali innovativi è un punto cruciale per fornire risposte adeguate a esigenze più ambiziose, poiché alcune tecnologie permettono di ottenere alte performance anche in termini di miglioramento operativo del lavoro. 

È il caso delle schiume poliuretaniche, applicate tramite spruzzatura. Versatili e funzionali, le schiume di poliuretano solidificano in breve tempo e consentono di riempire spazi, come intercapedini per pareti e soffitti, realizzando superfici omogenee perfettamente isolanti.

Sono diversi i vantaggi delle schiume poliuretaniche, ma per ottenerli è fondamentale conoscere queste nuove tecnologie, diverse dalle più tradizionali, e saper padroneggiare le macchine per applicarle. Vale tanto per le aziende di nuova costruzione, quanto per quelle esistenti. 

Poliurea e schiume poliuretaniche: da dove iniziare?

Per lavorare con le schiume di poliuretano e comprendere qual è la migliore soluzione per la tua azienda leggi Poliurea e schiume poliuretaniche: da dove iniziare?

Coibentazione interna di intercapedini

Con la giusta preparazione in merito ai nuovi materiali, torniamo alla pratica. Abbiamo accennato al fatto che le schiume poliuretaniche sono particolarmente utili per la coibentazione di pareti e soffitti; si parla in questi casi di coibentazione interna, un tipo di intervento utile a isolare ambienti interni di edifici provvisti di intercapedini, ovvero spazio vuoto, ad esempio tra due file di mattoni nelle pareti.

Al pari di lavori più complessi, come il cappotto termico che va realizzato all’esterno dell’edificio, la coibentazione interna consente di ottenere risultati ottimi: contribuisce a migliorare la classe energetica, riduce le dispersioni termiche con risparmio anche economico, riduce le emissioni nell’ambiente, migliora in generale lo stato di benessere percepito.

La maggior parte delle strutture presenta uno scarsissimo livello di efficienza in tal senso; dove ci sono intercapedini, il livello di coibentazione interna è carente, con scambi termici continui. In alcuni casi sono presenti materiali semplici e poco performanti che fungono da riempitivi, come la lana di vetro, ma si tratta di soluzioni blande, che in nessun modo risultano d’aiuto. Resta, quindi, da parte del cliente la necessità di commissionare lavori di isolamento che siano risolutivi e non solo ripativi.

Prima di intervenire con una coibentazione interna, l’azienda è tenuta a comprendere quali siano i materiali più idonei a pareti e soffitti in questione. È fondamentale un’analisi preventiva del contesto e delle condizioni di lavoro, che abbinata alla giusta preparazione in merito alle tecnologie e alle macchine, consente di proporre la soluzione migliore e offrire ai propri clienti risultati di alto livello qualitativo

Coibentazione pareti

La coibentazione di pareti interne prevede il riempimento dell’intercapedine d’aria attraverso iniezione di schiume. Rispetto a qualsiasi altro materiale, la schiuma penetra facilmente in tutti i vuoti, riempendo anche i più piccoli e formando una superficie isolante solida e omogenea. I suoi vantaggi sono difficilmente replicabili da altre tecnologie. Inoltre, la coibentazione di pareti perimetrali evita demolizioni e riduzioni delle superfici interne, e si realizza in tempi estremamente ridotti, senza sporcare né recare alcun problema logistico ai proprietari della struttura. 

È possibile lavorare con diversi tipi di schiume. Per la coibentazione interna di pareti sono preferibili quelle con struttura a celle parzialmente aperte e a bassa densità, materiali traspiranti che prevengono la formazione di condense. 

Coibentazione soffitti

Per la coibentazione dei soffitti si agisce in genere nei sottotetti attraverso schiume poliuretaniche a celle aperte, che hanno maggiore conduttività termica e sono più performanti in presenza di spessori molto elevati. Si usano sull’intradosso del tetto quando gli spessori di isolamento sono importanti, di circa 20 centimetri.

La coibentazione interna dei soffitti avviene tramite spruzzatura, con macchine professionali in grado di offrire rendimenti esemplari sia in termini di qualità del risultato che di esecuzione del lavoro.

Coibentare con le schiume poliuretaniche 

Per applicare le schiume poliuretaniche nel migliore dei modi, quindi, è fondamentale avvalersi degli impianti giusti. Si distinguono le macchine per poliurea e schiume poliuretaniche Graco, soluzioni innovative caratterizzate da standard elevati di sicurezza e qualità. Sono diversi i modelli; ognuno è più o meno indicato per determinati lavori e tipi di interventi, e per lo più versatili nell’utilizzo dei materiali.

Un esempio è la Graco Reactor E-10hp, una macchina realizzata per l’applicazione di poliurea che ben si presta anche alla spruzzatura di schiume poliuretaniche. Grazie a leggerezza e praticità, al facile trasporto e al fatto che funziona con qualsiasi fonte di corrente elettrica, la Reactor E-10hp è una macchina perfetta per eseguire la coibentazione nei sottotetti. 

Macchine per schiume poliuretaniche

Tra i nostri servizi garantiamo anche formazione e assistenza sulle macchine ai professionisti che intendono diventare esperti nell’applicazione di schiume poliuretaniche. Ti aiutiamo a scegliere la migliore, e a renderla parte integrante del tuo business attraverso sia la vendita che il noleggio.